Quando il tè diventa un rito.

Quando il tè diventa un rito.

Pubblicato: 30.04.2021

Mervin Krishanti (Responsabile per la pulizia di manutenzionedallo presso Honegger) di Sri Lanka beve tè ogni giorno, preferibilmente il tè di Ceylon, suo paese natale, con cannella. Un giorno senza tè è un giorno sprecato.

«Il tè Ceylon fa bene al cuore. E in tutti e due i sensi: da un lato è effettivamente molto salutare, dall’altro giova anche all’anima. Il nostro tè nero non si beve, infatti, come una qualsiasi bevanda: è un vero e proprio rito che, in quanto tale, contribuisce in maniera determinante a mantenere l’equilibrio interiore. Specialmente in questi tempi frenetici, essere in sintonia con se stessi è alla base di tutto. Ma, naturalmente, il valore aggiunto in termini di salute che contraddistingue questo tè non sarà mai abbastanza riconosciuto. Il tè Ceylon rinforza il sistema immunitario, è ottimo per la circolazione e contribuisce ad alleviare l’asma e la tosse.

Sono originaria dello Sri Lanka, che un tempo si chiamava Ceylon, da cui ha preso il nome il nostro famoso tè. Il mio paese è il quarto produttore mondiale di tè e, di conseguenza, questa bevanda ricopre un ruolo molto importante nella nostra cultura. Ma anche il resto del mondo ne apprezza i pregi: per fare un esempio, il nostro tè è spesso uno degli ingredienti di base delle miscele inglesi.

HoneggerAG2021MaiUnterhaltsreinigung02.jpg Il tè Ceylon è caratterizzato da un sapore forte e leggermente amarognolo, cui si aggiunge una delicata nota agrumata che conferisce al prodotto il suo gusto peculiare. Credetemi: dopo averlo assaggiato non vorrete più saperne di altri tè neri! Io stessa ne bevo diverse tazze al giorno, e non esagero quando dico che un giorno senza tè per me è un giorno perso.

Per aromatizzarlo aggiungo sempre un po’ di cannella di Ceylon, che è di per sé un vero toccasana perché, tra i tanti benefici, riduce la pressione e abbassa i livelli di colesterolo, contribuendo in modo determinante a mantenere il cuore in salute. Come vedete, la nostra cultura del tè è veramente una questione di cuore, non solo per me personalmente ma in tanti altri sensi! 

Come agisce il tè Ceylon
A seconda del metodo di preparazione, il contenuto di caffeina del tè nero Ceylon è di circa 50 mg per tazza, per cui è una bevanda eccitante quasi quanto il caffè. In linea di massima vale la seguente regola: più si lascia il tè in infusione, più lentamente si svilupperà il suo effetto. Un tempo di infusione breve vi darà invece una bella carica!

L’autrice
Mervin Krishanthi è entrata a far parte del team Honegger nel 2007 e oggi è impiegata nel settore lavanderia. 

chiudere