Honegger elettrizza la sua flotta aziendale

Honegger elettrizza la sua flotta aziendale

Pubblicato: 27.04.2022

Il fornitore digitale di servici per gli edifici della svizzera Honegger punta sull mobilità elettrica e ordina 90 veicoli elettrici.

La sostenibilità è un elemento cardine della politica aziendale di Honegger dal 1948 ed è tra le priorità strategiche. Nel passaggio alla flotta elettrica, Honegger è un apripista del suo settore. L’obiettivo è che dal 2023 il 60% dei collaboratori utilizzi auto elettriche.

Stefan Honegger, presidente del consiglio d’amministrazione della Honegger SA, risponde alle nostre domande sulla nuova flotta elettrica.

Honegger S_neu 6.jpg Perché Honegger passa all’elettromobilità proprio adesso?
Abbiamo seguito gli sviluppi dell'elettromobilità per anni e il tema dell'ambiente è in cima alla nostra agenda.

Da qualche tempo sul mercato esistono modelli di veicoli che hanno un prezzo interessante, non presentano svantaggi significativi e soddisfano le nostre esigenze. Per questo ci sembra ora il momento giusto per fare il salto. La mobilità elettrica dovrebbe essere possibile per tutti i nostri collaboratori e noi vogliamo dare il nostro contributo su larga scala alla transizione per la neutralità climatica.

 

Quante veicoli elettrici sono stati ordinati e di quale marca?
Da poco abbiamo ordinato circa 80 autovetture e 10 veicoli commerciali. Il passaggio alla nuova flotta con veicoli elettrici riguarda prevalentemente i nostri responsabili clienti e i direttori delle succursali. Ora stiamo gradualmente sostituendo l'intera flotta di auto con veicoli elettrici e avremo completato questo processo entro il 2027 al più tardi.

Abbiamo optato per le marche Skoda Enyaq e Audi Q4.

Audi & Enyac.png
Skoda Enyaq und Audi Q4

Nel periodo precedente l'acquisto del veicolo, abbiamo registrato quali tipi di veicoli usano i nostri dipendenti e cosa è importante per loro quando scelgono un'auto. Molti dipendenti hanno dichiarato che il comfort, la sicurezza e lo spazio erano in cima alla loro lista di priorità. Questo è probabilmente dovuto al fatto che i dipendenti possono anche usare i veicoli privatamente gratuitamente. Pertanto, abbiamo voluto valutare i veicoli che soddisfano questi e altri criteri.

Perché Skoda e Audi e non un altro fabbricante?
Per diverse ragioni. Da un lato cercavamo veicoli abbastanza spaziosi e con una buona autonomia. Dall’altro, i veicoli dovevano soddisfare anche i requisiti di costo. Abbiamo ordinato i veicoli da AMAG, nostro cliente fidato e partner importante.

Übergabe EL-Fahrzeug HOAG 300 dpi.jpg
Consegna di un veicolo elettrico Enyaq iV 80: v.l.n.r Joachim Sieber Direzione Amag Zuchwil, Stefan Honegger Presidente dell' amministrazione Honegger SA, Adrian Bugmann, Capo KAM Honegger SA, Oliver Felber, Direzione Amag Zuchwil.   


Honegger ha esperienza con i veicoli elettrici?
Per i test, abbiamo in uso alcune Skoda Enyaq e Audi Q4, una VW ID.3 e una Nissan Leaf. Il feedback dei conducenti ci ha fornito un prezioso aiuto decisionale. Io stesso guido un VW ID.3 da un anno e ne sono molto soddisfatto.

PXL_HOAG Nissan Leaf.jpg
Nissan Leaf Veicolo di prova      

                               
Cosa pensano i collaboratori del passaggio alla flotta elettrica?
Internamente abbiamo trattato molto il tema e abbiamo avvicinato i nostri collaboratori all’elettromobilità con diversi comunicati e informazioni. Abbiamo creato una pagina Q+A completa sulla nostra intranet sulla prevista flotta di veicoli elettrici. Questo dà ai nostri dipendenti l'opportunità di informarsi e fare domande. La nostra organizzazione di gestione della flotta è anche in dialogo con i dipendenti.

Ci sono collaboratori che non vedono l’ora di guidare «elettrico», altri invece che si avvicinano al tema piano piano. Stiamo facendo un’opera di convincimento continuando a rispondere alle domande, ad inviare resoconti di testimonial e affiancando i collaboratori con consigli e supporto. 

Quali sono le domande più frequenti in tema di autovetture elettriche?
Una domanda molto ricorrente è quella relativa all’autonomia della batteria. Una paura molto diffusa è che non ci sia abbastanza elettricità per visitare i clienti nelle aree più remote. Anche il tempo di ricarica è un punto importante: per esempio la differenza tra ricarica alla stazione di ricarica rapida o presso la propria abitazione. Vengono fatte domande anche sull’infrastruttura di ricarica fuori dalla ditta e per i viaggi nelle località di vacanza.

Quale infrastruttura di ricarica metterà a disposizione Honegger?
Ci stiamo occupando dell’infrastruttura di ricarica da ben prima dell’acquisto dei 90 veicoli elettrici. Per noi è importante installare nelle succursali abbastanza stazioni di ricarica. In questo dipendiamo però dal locatore. Abbiamo già avviato i colloqui a riguardo. 

Dopo vari progetti e valutazioni su quali siano le stazioni di ricarica ideali per noi, calcoli sulla capacità elettrica ecc., per la nostra sede principale a Köniz siamo già pronti a realizzare un progetto per l’installazione di 40 stazioni di ricarica.                                                     

chiudere