Agilità e capacità di adattamento nel cammino verso il futuro

Agilità e capacità di adattamento nel cammino verso il futuro

Pubblicato: 01.12.2019

Verso la fine dell’anno è d’obbligo fare il consueto bilancio retrospettivo autocritico in cui si riflette anche la direzione futura che un’azienda imboccherà. Oggi, per avere successo ci vuole tuttavia molto di più del semplice trarre insegnamenti dal passato e dal presente. Il CEO Ariste Baumberger analizza le imprevedibilità nella pianificazione strategica del futuro.

«Sempre il guardare indietro comporta allo stesso tempo guardare avanti, al nuovo anno» è la citazione sul foglio di dicembre del nostro calendario 2019. Nonostante questa frase contenga verità, essa è tuttavia incompleta nella sua portata e nel suo significato.

Passato e presente come base

È un fatto innegabile che nel presente vengano sempre fatte le scelte per il futuro. Il qui e l’ora sono il punto di partenza da cui nasce il futuro e forse ogni pensiero e ogni azione hanno il loro effetto specifico sul futuro prossimo e lontano. E in essi confluiscono sempre anche le esperienze del passato.

I cambiamenti segnano il nostro tempo

Quella che può sembrare quasi un’affermazione filosofica è a ben guardare, per noi come azienda, anche la vera sfida del nostro tempo. Risulta arduo valutare e pianificare il futuro esclusivamente sulla base delle condizioni e dei valori empirici del passato e del presente. Il futuro è determinato dai grandi trend del nostro tempo: globalizzazione, cambiamento tecnologico e sociale, digitalizzazione. E questo con conseguenze di ampia portata. Le aziende operano in un contesto di crescente incertezza dei processi e dei risultati. Il contesto di mercato evolve in modo dinamico ed è sempre meno prevedibile. Le complessità e le dinamiche nello sviluppo dei prodotti e delle tecnologie aumentano in modo esponenziale. Estrapolare dalla gran quantità di tendenze tecnologiche quelle che si riveleranno in futuro vincenti e redditizie per la propria azienda è una sfida non da poco.

Consapevolezza della situazione e azione conseguente

Bisogna essere in grado di affrontare questa incertezza per garantire il futuro di un’azienda. Presso Honegger questi sviluppi vengono costantemente osservati, analizzati e valutati. I vantaggi per i clienti vengono costantemente rimessi in discussione e viene adeguata la gamma dei servizi. Per questo agiamo con la massima agilità possibile. Se necessario, le decisioni vengono prese rapidamente e poi attuate nel più breve tempo possibile. Se nel corso dell’attuazione dovesse ciononostante dimostrarsi che la strada scelta non è quella giusta, si deve reagire e correggere rapidamente.

I collaboratori come forza motrice

Far partecipi i collaboratori, coinvolgendoli in questo processo è e rimane una sfida molto impegnativa. Questi cambiamenti richiedono una notevole dose di capacità di adattamento e di sviluppo, e questo non solo dall’azienda nel suo complesso ma anche da ogni singolo collaboratore. Questo può riuscire solo se i collaboratori non vedono questi cambiamenti come una minaccia, ma li percepiscono come opportunità. Perché le persone possono essere motivate ad abbracciare qualcosa di nuovo solo se nella loro percezione le opportunità prevalgono. Altrimenti c’è il rischio di un atteggiamento difensivo e di resistenza, dettato dalla paura. E la paura è come risaputo una cattiva consigliera.

In questo senso siamo tutti chiamati a seguire con attenzione gli sviluppi che avvengono intorno a noi, a riconoscere le opportunità che si presentano e a sfruttarle in modo proficuo per la nostra azienda. Mettiamoci mano tutti insieme.

Cordiali saluti

Ariste Baumberger

chiudere